Cookie Consent by PrivacyPolicies.com
In Bologna Today.com


In Bologna Today.com



Booking.com

Basilica di Santo Stefano a Bologna

La Basilica di Santo Stefano a Bologna: la storia, le fotografie, i dipinti e le opere d'arte preservate al suo interno, la mappa e le informazioni per raggiungerla.

Tour a Bologna Vieni a Bologna? Prenota il tuo tour in anticipo e salta la coda!

Tour a Bologna

Scegli tra pi¨ di 100 esperienze a Bologna e dintorni: giri a piedi, i musei, le basiliche, degustazioni e cene, tour gastronomici.

Tour a Bologna Vieni a Bologna? Visita le maggiori chiese e basiliche e salta la coda!

Tour chiese Bologna

Visiterai con una guida locale le maggiori chiese e basiliche di Bologna.

Basilica di Santo Stefano Bologna Basilica di Santo Stefano - Via Santo Stefano, 24 - Bologna

(Foto: Paolobon140, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons)

La Basilica di Santo Stefano è in realtà un complesso di edifici religiosi che comprende la Chiesa del Crocifisso, la Chiesa del Sepolcro, la Chiesa dei Santi Vitale e Agricola ed il Museo di Santo Stefano. Perciò la sede è anche conosciuta con l'appellativo di Complesso delle Sette Chiese.

Storia della Basilica di Santo Stefano

Fu San Petronio, vescovo di Bologna dal 431 al 450 circa, a ideare la costruzione di una basilica sul sito dove precedentemente sorgeva un Tempio in onore di Iside, dea egizia della maternità e della fertilità.

Dapprima fu costruita la Chiesa dei Santi Vitale ed Agricola (IV secolo) che conserva i sarcofagi dei due martiri di origine forse giudea (III sec.) menzionati anche da Ambrogio nelle sue prediche. Successivamente fu la volta della Chiesa del Santo Sepolcro (V secolo) che protesse, essendo stata costruita sopra, la tomba di San Petronio; infine la Chiesa di San Giovanni Battista o del Santo Crocefisso (VIII sec.).

L'intero complesso fu molto danneggiato durante le invasioni degli Ungari di inizio X secolo e per questo ricostruito dai benedettini all'inizio dell'XI secolo.

Rimaneggiamenti successivi avvennero alla fine dell'Ottocento e durante il XX secolo; restauri conservativi che non tenendo conto del progetto iniziale finirono con alterare arbitrariamente alcuni spazi del Complesso.

Visita della Basilica di Santo Stefano

Per il visitatore che arrivi sull'antistante Piazza Santo Stefano appare subito chiaro, per il contesto urbanistico circostante e per lo stato di conservazione e uniformità del complesso basilicale, di trovarsi di fronte ad uno dei monumenti architettonici più importanti dell'Emilia Romagna e d'Italia; in misura ancora maggiore se si considera l'architettura di stile romanico di cui la Basilica di Santo Stefano è certamente uno dei rappresentanti meglio conservati sul territorio italiano.

Sulla piazza si trovano, affiancate l'una all'altra, la facciata della Chiesa del Crocifisso e, spostandosi verso sinistra e in profondità, la Chiesa del Calvario o Sepolcro e la Chiesa dei Santi Vitale e Agricola entrambe preceduto da un giardino in cui sono visibili due sarcofagi medievali custodivano i resti dei primi vescovi di Bologna.

L'intero complesso vuole essere una citazione architettonica del martirio di Gesù come era attestato dall'antico nome del complesso di Santo Stefano che era appunto Sacra Hierusalem.

Chiesa del Crocifisso

La chiesa del Crocifisso è la prima struttura a destra nella piazza e presenta una facciata in mattoni e tetto a capanno tipico dello stile romanico, unico portale d'entrata sormontato da quattro finestre in stile gotico e grande occhio centrale; la pianta dell'edificio è ad unica navata con volta a capriata e presbiterio che va a sormontare la cripta alla quale si accede da due scale laterali. Quest'ultima, di piccole dimensioni, è organizzata in cinque navate con colonne variegate e conserva in due urne i resti mortali dei Santi Vitale e Agricola ai quali è intitolata una delle chiese del complesso di Santo Stefano.

Le pareti della chiesa conservano affreschi databili al XV secolo che affigurano il Martirio di Santo Stefano mentre il presbiterio ospita un bel crocefisso del XIV secolo. Nella cripta invece è visibile un affresco conosciuto con il nome di Madonna della Neve e risalente al XV secolo.

Come raggiungere la Basilica di Santo Stefano di Bologna

- in auto: uscita Bologna 7, direzione centro storico Stazione Centrale percorrendo via Stalingrado fino a Porta Macarella; svoltare a sinistra in via Carlo Berti Picat passando Porta San Donato e proseguendo in viale Quirico Filopanti fino a Piazza Porta San Vitale dove si svolta a destra in via San Vitale e si prosegue fino alle due torri Garisenda e Asinelli. Qui svoltare a sinistra in Strada Maggiore e dopo 300 metri a destra in via Gerusalemme che sbocca davanti al complesso della Basilica di Santo Stefano.

- in bus: dalla Stazione prendere l'autobus C (ogni) fermata Garganelli. Dopo 500 metri a sinistra si trova il complesso chiamato Basilica di Santo Stefano. Proseguire 100 metri in via Guerrazzi e svoltare a destra in via Santo Stefano. Dopo 500 metri a destra si trova il complesso della Basilica di Santo Stefano.

- a piedi: dalla Stazione (2 Km) percorrere a sinistra 100 metri e girare a destra in via dell'Indipendenza fino a Piazza del Nettuno; dopo 1 Km a sinistra in via Francesco Rizzoli per 400 metri e poi a destra per Piazza della Mercanzia dove si svolta a sinistra in via Santo Stefano. Dopo 500 metri a sinistra si trova il complesso chiamato Basilica di Santo Stefano.

Stile: Romanico, Gotico
Edificazione: V secolo, riimaneggiata nel XIII
Orari: dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 18.30.
Durante le funzioni religiose alcuni spazi sono dedicati alla preghiera.
Telefono: +39.051.223256
E-mail: sstefno@libero.it
Sito web: Abbazia di Santo Stefano

In Bologna Today è aggiornato ogni giorno

© In Bologna Today
Tutti i diritti riservati